Cortexa - Isolamento a cappotto termico: un investimento redditizio

 

Isolamento a cappotto termico: un investimento redditizio

Durata, efficacia, corretta posa e progettazione: ecco gli ingredienti per un investimento vantaggioso.

La durata del Sistema di Isolamento a Cappotto dipende, oltre che dalla qualità della progettazione, dalla qualità dei materiali e dall’uso di sistemi forniti in kit, dalla sua corretta posa in opera. Tali caratteristiche sono le premesse indispensabili per realizzare un Sistema a Cappotto efficace e duraturo, che diventa nel tempo un investimento redditizio.

 

Durata e efficacia

I concetti di “durata” ed “efficacia” sono i parametri fondamentali per avere la certezza che l’investimento sia redditizio:

La durata si riferisce al fatto che nel tempo il Sistema a Cappotto non sia soggetto a forme di degrado fisico-chimico, ma mantenga la propria solidità.

L’efficacia invece è il risultato della prestazione di isolamento termico che otteniamo in base alla corretta configurazione del sistema, alla cura dei dettagli nei ponti temici strutturali e ad una posa corretta.

La durata del Sistema dipende sia dalle proprietà dei materiali e dei prodotti utilizzati, sia dalla cura e dalla manutenzione degli edifici. Inoltre per garantire l’efficacia del Sistema a Cappotto è necessario che i singoli strati siano totalmente compatibili fra loro.

 

La certificazione ETA e il concetto di Sistema

Il consorzio Cortexa da più di 10 anni promuove l’utilizzo di sistemi di isolamento termico con certificazione ETA, focalizzando l’attenzione sull’importanza del concetto di Sistema. Tutti i componenti dei sistemi a cappotto ETA, sono perfettamente integrati tra loro come risulta dalle numerose prove di laboratorio, dove viene verificato che i singoli materiali che compongono il ciclo di sistema risultino tra loro compatibili e che la permeabilità al passaggio del vapore ed il modulo elastico fra gli strati, risulti decrescente dall‘interno verso l‘esterno. La durata utile dei Sistemi di Isolamento a Cappotto, se correttamente posati e mantenuti, è uguale a quella di una muratura intonacata in modo tradizionale.

 

L’impatto positivo sull’ambiente e il risparmio energetico

Tutto questo si traduce ad oggi, in milioni di metri quadrati di facciate realizzate, con il risultato che il Cappotto Termico è uno dei sistemi più testati nel mondo in campo edilizio. Gli studi e le analisi condotte sull’isolamento a cappotto da oltre 50 anni, consentono di affermare che il Sistema a Cappotto è la risposta ideale al continuo aumento dei costi per l’energia, alla scarsità di risorse fossili e per le preoccupazioni sul clima globale mentre la sua efficacia è direttamente legata ai consumi dell’edificio oggetto di intervento di isolamento a cappotto.

Molto spesso, su vecchi edifici da riqualificare, sono scarse le informazione sui consumi, prodotti da tutti gli apporti disperdenti dell’edificio e/o dell’inefficienza del sistema impiantistico, ma possiamo asserire che un Sistema di Isolamento a Cappotto di qualità produce un risparmio che può oscillare fra il 45% e l’80% dei consumi di energia utilizzata per il periodo di riscaldamento invernale a seconda della classe energetica di appartenenza dell’edificio dopo l’intervento di retrofit energetico.

Negli ultimi anni ci sono state importanti novità, rispetto al passato, nel settore dell’isolamento termico, con l’introduzione del valore di conduttività termica dichiarata con la marcatura CE per i pannelli isolanti ed il suo aumento medio dello spessore impiegato in edilizia.

Questo, in concomitanza con strutture opache ben progettate, ben realizzate e senza errori di posa, ha permesso di avere un comportamento in opera molto vicino al calcolo di progetto, grazie anche alla verifica strumentale che ha consentito di verificare l’affinità tra i due valori, che può essere un dato assai rassicurante per il settore edilizio dell’efficientamento energetico.

 

L’investimento

Quindi, sistemi di isolamento a cappotto su edifici nuovi o esistenti, progettati con attenzione e realizzati a regola d’arte secondo i principi della fisica tecnica consentono di contrastare il riscaldamento globale, tutelare l’ambiente e ridurre le emissioni di CO2. Tutto questo, insieme agli sgravi fiscali attualmente in vigore in Italia, rendono economico l’intervento e migliorano il comfort abitativo, trasformando l’investimento nel Sistema a Cappotto in una fonte di risparmio energetico, la cui spesa iniziale si ammortizza in pochi anni a fronte dell’energia risparmiata per il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti abitativi.

I Sistemi di Isolamento a cappotto termico sono provvedimenti costruttivi efficaci per conciliare in maniera intelligente la sostenibilità ambientale ed economica in edilizia e si distinguono particolarmente nel con-testo edilizio, nel complesso di tutti i loro vantaggi, per un rapporto qualità-prezzo straordinario.

I Sistemi di Isolamento Termico a Cappotto consentono:

• un notevole risparmio sui costi per l’energia;

• una netta riduzione dell’emissione di sostanze inquinanti;

• la conservazione degli elementi strutturali nel tempo;

• un clima degli interni sano;

• grande flessibilità nelle scelte architettoniche per il rivestimento delle facciate.

 

Le buone norme

La recente pubblicazione delle due norme da tempo attese, sulla progettazione e posa del Sistema di isolamento a Cappotto, UNI/TR 11715:2018 e quella della qualificazione professionale degli applicatori del Sistema di isolamento a Cappotto, UNI 11716:2018, porterà ad un’applicazione ancora più diffusa delle buone pratiche di progettazione e posa del sistema con effetti positivi sull’efficacia dei sistemi a cappotto nel tempo, garantendo la redditività dell’investimento. Tutto questo grazie anche all’efficace contributo del Consorzio Cortexa, che ha trasferito le sue nozioni tecniche applicative riportate nel Manuale per l’applicazione del Sistema a Cappotto, all’interno delle norme UNI sopra citate.