Direzione Lavori cappotto termico: la guida per diffondere le conoscenze sull’importanza dell’attività

Scarica gratuitamente la Guida Tecnica Cortexa sul tema della Direzione Lavori in caso di Sistema a Cappotto
Uno strumento che permette ai professionisti del settore di comprendere le responsabilità, i compiti e gli obiettivi del Direttore Lavori per la realizzazione di Sistemi a Cappotto di qualità

Direzione Lavori cappotto termico: un’attività imprescindibile per l’eccellenza nel Sistema a Cappotto

Partiamo dal presupposto che la Direzione Lavori cappotto termico è un’attività fondamentale per la realizzazione di Sistemi di Isolamento Termico a Cappotto eccellenti.

Secondo l’ordinanza n. 22093/2019, seconda sezione civile, della Corte di Cassazione, tra i difetti costruttivi più seri rientrano anche quelli legati al Sistema a Cappotto. Nel caso specifico, il cappotto termico mal eseguito determina una riduzione del 50% della resistenza termica, con conseguenze sia in termini di consumi che di comfort abitativo. La responsabilità di un Sistema a Cappotto mal eseguito ricade a tutti gli effetti sul Direttore Lavori, che può trovarsi a dover gestire contestazioni anche molto serie.
In un contesto di questo genere, la competenza degli operatori del settore edile risulta fondamentale. Quella della Direzione Lavori è in effetti un’attività che presuppone alti livelli di preparazione e per eseguirla a regola d’arte, evitando di incorrere in problemi di contestazione, non è più sufficiente essere in possesso di un valido progetto di isolamento a cappotto, aver scelto un Sistema certificato e lavorare con posatori qualificati e certificati. Tante altre sono le attività di cui il Direttore Lavori è responsabile e Cortexa punta ad evidenziarle e diffonderne la conoscenza, permettendo così ai professionisti di svolgere il proprio incarico nel miglior modo possibile.

La Guida Cortexa sull’importanza della Direzione Lavori cappotto termico

Al fine di diffondere sempre maggiormente le conoscenze in merito all’importanza della Direzione Lavori nel caso di Sistema a Cappotto, Cortexa pubblica una guida specifica sul tema e dedicata a progettisti, applicatori e Direttori Lavori, supportandoli nella realizzazione a regola d’arte del cappotto.

All’interno della guida e sulla base della lunga e comprovata esperienza delle aziende produttrici di Sistemi a Cappotto che fanno parte di Cortexa, è stata stilata una check-list per portare avanti correttamente l’attività di Direzione Lavori. Gli 8 punti che la compongono vanno a definire i compiti più importanti del Direttore Lavori.

  1. Verifica dell’adeguatezza del progetto e della documentazione. Prima dell’avvio del cantiere è opportuno che il Direttore Lavori verifichi i contenuti e la qualità del progetto esecutivo. Sulla base di questo potrà realizzare un’adeguata attività di verifica dei lavori.
  2. Verifica della qualifica dei posatori. Prima dell’inizio delle attività è opportuno che il Direttore Lavori entri in relazione con l’impresa e le squadre che realizzeranno i lavori in modo tale da poter valutare se i posatori e il caposquadra sono qualificati per la posa del Sistema a Cappotto.
  3. Verifica dei materiali/prodotti e del corretto stoccaggio in cantiere. Il Sistema a Cappotto certificato descritto nell’ETA e nel progetto deve essere quello presente in cantiere e costituito dai diversi prodotti che generano il kit. Tra le operazioni principali di controllo, è necessario che la Direzioni Lavori:
    • controlli il marchio sui componenti del Sistema (apposizione a cura del produttore) che può essere presente sul prodotto, sul suo imballaggio, sul rivestimento del pallet o sui documenti di accompagnamento;
    • controlli la marcatura CE dei singoli componenti (ove prevista) e la marcatura CE del Sistema;
    • controlli che il materiale venga adeguatamente stoccato e posato in condizioni ambientali idonee.
  4. Verifica e controllo del supporto e della sua preparazione. Molto rilevante è il controllo e la preparazione del supporto del Sistema a Cappotto. Durante questa fase la Direzione Lavori si muove fianco a fianco con il caposquadra qualificato per verificare che il supporto sia idoneo. Le prove e gli esami di idoneità del supporto sono ben descritti nella norma UNI/TR 11715, tra i più rilevanti si evidenzia la verifica di planarità.
  5. Verifica della posa e dell’incollaggio dei pannelli isolanti. La Direzione Lavori deve assicurarsi che la modalità di incollaggio sia quella indicata nel Sistema certificato. In presenza di posatori e capisquadra qualificati l’incollaggio sarà realizzato a regola d’arte ovvero in accordo con la norma UNI/TR 11715.
  6. Verifica delle modalità di tassellatura. La Direzione Lavori, oltre a verificare la coerenza tra tasselli consegnati in cantiere e tasselli indicati nel Sistema certificato, si assicura che le operazioni di tassellatura siano realizzate in conformità a quanto descritto nel progetto e nella norma UNI/TR 11715.
  7. Verifica della realizzazione dell’intonaco di base e della posa dell’armatura. Nella realizzazione dell’intonaco di base sono fondamentali tre aspetti legati alla corretta posa del Sistema:
    • la corretta posa della rete di armatura;
    • il rispetto degli spessori nominali dell’intonaco di base;
    • la protezione della facciata – a rasatura avvenuta – dagli agenti atmosferici.
  8. Verifica della realizzazione dell’intonaco di finitura. Dopo aver lasciato indurire l‘intonaco di base per un periodo di tempo sufficiente e aver eseguito l‘applicazione di un primer di Sistema secondo indicazioni del produttore, in presenza di condizioni atmosferiche idonee si può applicare il rivestimento di finitura. È importante che la Direzione Lavori si assicuri che l’intonaco di finitura sia quello compreso nel Sistema certificato.

Share

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su print